Prec
Succ

In evidenza

Vuoi altre 
informazioni? Contattaci
Curioso di provare? La prima lezione è GRATIS

Da Jourdelò

Anita morente (Miniatura 219x198 px)Trafila: Con questo nome viene indicata la catena di patrioti, in genere mazziniani, che, in gran segreto e facendosi forti dell’esperienza clandestina della Giovine Italia, della sua rete di contatti e della fede incrollabile negli ideali da essa propugnati, organizzarono quello che all’epoca venne definito lo scampo o il trafugamento di Giuseppe Garibaldi e degli uomini che con lui erano giunti in Romagna.
Autore: Sanzio Campanini
Segue

Arciduca Ranieri - manifesto corseLa navigazione a vapore sul lago di Garda ha origine nella prima metà dell’Ottocento ad opera di un gruppo di banchieri milanesi che, puntando sullo sviluppo dei traffici commerciali dopo la sistemazione politica del territorio seguita alla cadute di Napoleone, costituisce la Società Milanese per la Navigazione a Vapore sui Laghi del Regno Lombardo Veneto.

Corre l’anno 1824 e la Società Milanese, per poter esercitare per un periodo sufficiente a recuperare le spese ed a remunerare il capitale inventio, ottiene dall’Imperatore d’Austria un privilegio esclusivo per 15 anni.

Autore: Gianfranco Bortolussi
Segue
Giuseppe VerdiLa prima assoluta de I Vespri siciliani ebbe luogo il 13 giugno 1855 all’Opéra di Parigi. Fatto che può apparire insolito se non si ha ben chiara la biografia di Verdi che nacque nel 1813 suddito dell’impero napoleonico. Il suo certificato di nascita venne infatti stilato in lingua francese. Segno emblematico, che sottolinea sin dall’inizio un percorso di vita in strettissimo rapporto, pur fra alterne vicende, con la Francia.
Autore: Marinette Pendola
Segue
La spedizione dei mille (Miniatura 550x603 px)Per il valore che assunse a livello nazionale e internazionale, la Spedizione dei Mille può considerarsi la maggiore delle imprese garibaldine. Essa ebbe un ruolo determinante nel processo che ha portato all’unificazione del nostro Paese.

La Spedizione intendeva liberare la Sicilia, l’intero Regno di Napoli e chiamare alle armi siciliani, calabresi e tutte le popolazioni del Mezzogiorno; voleva liberare Roma, l’Umbria, le Marche e aspirava a muovere, di concerto con l’esercito Sabaudo, alla liberazione di Venezia, di Trento e di Trieste, compiendo così l’Unità d’Italia.
Autore: Loretta Pavan
Segue

newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter!
Ti aggiorneremo sulle nostre iniziative.
 
 
 
* Consenso privacy (Campo obbligatorio, il campo deve essere Si)  
Partner e sostenitori
Ministero della Cultura Regione Emilia-Romagna
Comune di Bologna Bologna Estate Bologna è Cultura Città Metropolitana di Bologna Museo Civico del Risorgimento - Bologna Musei Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano - Comitato di Bologna Manifestazione Storica della Regione Emilia-Romagna
© 2013 - 2022 8cento.org - Tutti i diritti riservati
🕑