Prec
Succ

8cento APS

Anno sociale 2022-2023

È iniziato il nuovo anno sociale, è il momento di tesserarsi a 8cento APS! Scoprite qui come.
Dal 19 settembre ripartono i corsi settimanali! Trovate qui tutti i corsi attivi: sedi, orari e discipline insegnate.

In evidenza

Vuoi altre 
informazioni? Contattaci
Curioso di provare? La prima lezione è GRATIS

Da Jourdelò

Ico_-_Pia_de_Tolomei (Miniatura 219x219 px)Oggetto incantevole, bellissima opera questo libro Le donne di Dante di Marco Santagata, edito dal Mulino, ricco di immagini a colori e di storie.
Lo scrittore è un noto e importante italianista che unisce un’esposizione di totale rigore ad una capacità divulgativa molto chiara, con la grande padronanza di strumenti dello storico vero.
Questo lavoro raccoglie l’esperienza di tutti gli studi precedenti di Santagata sul grande Poeta. L’autore purtroppo è scomparso nel 2020, prima dell’uscita del libro, il suo è un indimenticabile saluto affacciato sul mondo femminile.
Autore: Marta Lanzarotti
Segue

Manifesto 1856, Teatro La FeniceMolte Ouverture e Arie tratte dalle opere di Rossini sono note anche a chi non è appassionato di musica classica o lirica. Ma di che cosa parlano – per citare solo qualche titolo - Il Barbiere di Siviglia, Guglielmo Tell, La gazza ladra?

Il 150° anniversario della morte di Gioachino Rossini, che si celebra quest’anno, può essere l’occasione per scoprire la trama di almeno alcune di esse.

Autore: Daniela Bottoni
Segue
Cartamoneta da 1 lira (Miniatura 219x137 px)Per chi come me è nato a Bologna, la gita su per la Futa è una tradizione da onorare in ogni periodo dell’anno, tanto vario e mutevole è il paesaggio che questa destinazione ci regala al passaggio delle stagioni.

Chissà quanti dei bolognesi che hanno percorso questo itinerario sanno però che in questo angolo di Appennino si trovano luoghi che hanno assistito ad eventi storici risorgimentali fondamentali per l’Unità d’Italia.

Andiamo a scoprirli.
Autore: Fabrizio Galloni
Segue
La mia cara bisnonnina. La ricordo ancora mentre, seduta sul letto, nella poca luce della stanza per non ferire i suoi occhi delicati, mangiava lentamente la minestrina, il piatto in grembo. Aveva novantadue anni, e gustava quella minestra cucchiaio dopo cucchiaio, come fosse la pietanza più prelibata possibile. Arrivata a fine pasto si aiutava con l’indice della mano sinistra per raccogliere sul cucchiaio gli ultimi chicchi di pastina. Mia madre allora mi insegnava grande rispetto nei suoi confronti, nella sua bontà, nei suoi piccoli gesti come quell’aiutarsi con il dito a raccogliere la minestrina.
Autore: Umile Granasezia
Segue

newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter!
Ti aggiorneremo sulle nostre iniziative.
 
 
 
* Consenso privacy (Campo obbligatorio, il campo deve essere Si)  
Partner e sostenitori
Ministero della Cultura Regione Emilia-Romagna
Comune di Bologna Bologna Estate Bologna è Cultura Città Metropolitana di Bologna Museo Civico del Risorgimento - Bologna Musei Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano - Comitato di Bologna Manifestazione Storica della Regione Emilia-Romagna
© 2013 - 2022 8cento.org - Tutti i diritti riservati
🕑