Prec
Succ
Oops! this content isn't available in your language, so we're displaying it in its original language. We apologize for the inconvenience!

8cento APS

Anno sociale 2022-2023

Finite le vacanze Natalizie è ora di ricominciare con i nuovi corsi.
Per conoscere nuove persone che condividono la stessa passione inaspettata.
Per rimettersi in forma dopo gli eccessi delle festività.
In preparazione ai prossimi eventi, così da poterne essere protagonisti.

Latest news

Vuoi altre 
informazioni? Contattaci
Curioso di provare? La prima lezione dei corsi è GRATIS

Da Jourdelò

Rossini componeva delle melodie che le persone canticchiavano con piacere. La musica di Rossini lodava l'amore, la gioia e per questo la folla viennese sembrava non averne mai abbastanza delle composizioni rossiniane.

Autore: Loretta Pavan
Segue
Abstract (Miniatura 320x410 px)Fin da quando era giovane oratore barnabita, Bassi con la sua eloquenza e dottrina, meravigliava tutto il popolo e molti forestieri venivano a Bologna per udirlo. Ogni giorno che predicava, la Cattedrale era sempre piena, le sue prediche erano sublimi, ricche di sensi patriottici e animate da parole d’amor di patria unite alle sacre e religiose.
Autore: Alessia Branchi
Segue
Torah (Miniatura 375x512 px)In questo itinerario voglio raccontarvi di un dolce tradizionale del mio paese, la Tunisia, e per farlo attraverserò il Mediterraneo più volte e in molti sensi. Vi parlerò di un dolce che non ha nulla di orientale e che dall’Italia si è diffuso in quel territorio proprio nell’Ottocento.
Raramente ci interroghiamo sull’origine di cibi che abitualmente troviamo sulla nostra tavola e sul percorso che hanno compiuto per giungere fino a noi. Eppure molti sono frutto di scambi, adottati in un luogo ma nati altrove. Un esempio fra tanti è il pandispagna, quest’umile supporto di ben più sontuose preparazioni.
Autore: Marinette Pendola
Segue
Chi tra i Bolognesi non ha almeno una volta percorso il largo viale alberato che congiunge Porta Castiglione a Piazza dei Tribunali: viale XII giugno? E magari si sarà chiesto il perché di tale denominazione. Cosa è successo a Bologna il 12 giugno? Ebbene, il 12 giugno 1859 le truppe austriache, dopo un pesante decennio di occupazione, lasciarono finalmente e definitivamente la città.
Autore: Daniela Bottoni
Segue

newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter!
Ti aggiorneremo sulle nostre iniziative.
 
 
 
* privacyf (Required field, il campo deve essere Yes)  
Partner e sostenitori
Ministero della Cultura Regione Emilia-Romagna
Comune di Bologna Bologna Estate Bologna è Cultura Città Metropolitana di Bologna Museo Civico del Risorgimento - Bologna Musei Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano - Comitato di Bologna Manifestazione Storica della Regione Emilia-Romagna
© 2013 - 2023 8cento.org - All rights reserved
🕑